• 16 marzo 2022

Esploratori d'impresa: Max Calderan parla ad AdHoc

Business e cultura d’impresa Comunicazione Filosofia in azienda Formazione Formazione manageriale e crescita personale Impresa Testimonianze

Max Calderan, l'ultimo esploratore.

Esperto di deserti, Max Calderan è alla ricerca di un nuovo limite da superare. Ha attraversato i maggiori deserti del mondo, concentrandosi in particolare sul Rub' al-Khali, il quarto vuoto, così sterminato da poter essere paragonato agli altri tre vuoti: l'aria, l'acqua e la terra. La Calderan Line è uno dei percorsi, in suo onore ribattezzati, che ha scoperto nel corso delle proprie esperienze e dei propri viaggi.

Ma cosa mette in comune il deserto, e in generale le imprese epiche e pericolose, con la gestione d'impresa. 

Le stesse necessità, come ci ha mostrato Max. 

Pianificazione meticolosa, le giuste persone nei momenti e posti giusti, piani di emergenza per tutte le eventualità: sono molti i punti di contatto tra questi due diversi tipi di esperienza. 



Il libro: La linea nel deserto

Esce il 15 luglio LA LINEA NEL DESERTO, la storia straordinaria di MAX CALDERAN, l’esploratore che ha attraversato per primo IL RUB’ AL-KHALI, il deserto di sabbia più grande del mondo e l’ultima frontiera inesplorata della terra prima del suo passaggio. Un’esplorazione storica che porterà a modificare le carte geografiche aggiungendo il percorso tracciato ormai conosciuto come Calderan Line

Edito da Gribaudo e scritto a quattro mani con Simona Recanatini, LA LINEA NEL DESERTO narra la storia di Max: la storia di un bambino che sogna di andare su Marte e che, quarant’anni dopo, ormai uomo, attraversa per primo a piedi, in solitaria, i 1.100 km del Rub’Al-Khali, il deserto di sabbia più grande al mondo che al suo interno può contenere Francia, Belgio e Paesi Bassi tutti insieme, che i beduini chiamano il Quarto Vuoto, una lingua di sabbia talmente imponente da essere battezzata la “quarta parte” dopo terra, cielo e mare. 

Nel mezzo la vita, l’amore per la famiglia, i successi e i fallimenti, le grandi imprese, la passione per la scienza e per la natura, insomma tutto ciò che ha portato Max Calderan a essere una delle personalità più poliedriche e sfaccettate del nostro tempo. 

192 pagine che racchiudono la storia dell’esploratore e la sua voglia di non mollare mai, di fare un passo in più anche quando tutto ti invita ad arrenderti, ma anche il suo metodo di allenamento e quello per mantenersi in perfetta salute, la psicologia e il mindset che lo hanno portato a compiere un’impresa epocale, quella traversata che in molti chiamano già la “Calderan Line”.

“Pazienza, in arabo (sabr), è la parola magica che ho appreso e sviluppato negli anni stando a stretto contatto con i beduini. Una sura del Corano mette in evidenza che l’uomo è sempre in perdita nei confronti del tempo. Tranne in due situazioni. La prima: il tempo smette di correre quando gli uomini, tra di loro, si fermano per raccomandarsi vicendevolmente il bene, l’amore, la salute, la felicità (non i soldi). In questo caso, il tempo si ferma insieme a loro. La seconda, riferita alla sabr, si verifica quando gli uomini si fermano e nello stesso momento si raccomandano vicendevolmente la pazienza, ovvero il saper aspettare che tutto quanto arrivi - afferma l’autore MAX CALDERAN - Perché quando ci sono le premesse legate alla salute, alla felicità e all’amore, ecco che la pazienza ci darà quello che desideriamo. Qualsiasi cosa si faccia per altri motivi che non sono questi ci renderà perdenti a vita, indipendentemente da quello che si sarà materialmente accumulato. Non posso non pensare al fatto che ho aspettato 46 anni prima di poter affrontare l’Empty Quarter”.

Esploratore, conosciuto come Mahdi dai beduini, detiene oggi quattordici prime mondiali di esplorazione desertica, tra le quali spicca l’attraversamento per 90 ore consecutive senza fermarsi in Oman lungo la linea del tropico del Cancro e i 360 km in 75 ore, percorsi in estate in Arabia Saudita. 

Atleta poliedrico, profondo conoscitore del Medio Oriente, l’esploratore italiano di origini venete sfida da sempre in solitaria i deserti più impraticabili, raggiungendo traguardi incredibili. Nel 2014 Al Jazeera ha prodotto il documentario Figlio del Deserto sulle sue imprese. 

Il 2 febbraio 2020 entra nella leggenda delle esplorazioni attraversando in solitaria i 1.100 km del deserto di sabbia più grande al mondo: il Quarto Vuoto, il Rub’Al-Khali in Arabia Saudita, l’ultima frontiera inesplorata della Terra. È nata così la Calderan Line, che andrà aggiunta ai libri di storia e di geografia. La Calderan Line però non è solo una traccia nel deserto, ma uno stile di vita in cui si abbracciano scienza, salute, natura e movimento.


Galleria

    Condividi


Altre news

Zordan: i fattori della prosperità.

01 gen

Zordan: i fattori della prosperità.

Business e cultura d’impresa Filosofia in azienda Formazione manageriale e crescita personale Recensione eventi

Questa è la storia di un’impresa che ha saputo evolvere senza perdere di vista valori e persone.
Leggi di più

    Condividi

DeosIP: AI generativa e creatività umana

20 feb

DeosIP: AI generativa e creatività umana

Recensione eventi Formazione Business e cultura d’impresa

Una serata informativa sul corretto uso di AI generative ed come evitare questioni legali di copyright e diritto d'autore.
Leggi di più

    Condividi

La fatica della semina, la pazienza dell'attesa, la gioia del raccolto.

08 feb

La fatica della semina, la pazienza dell'attesa, la gioia del raccolto.

Filosofia in azienda Recensione eventi Networking e relazioni

Andiamo a conoscere la famiglia Manzan e come ha saputo realizzare i propri sogni.
Leggi di più

    Condividi